Giuseppe Loi
Sette giorni senza pelle
1 / 7 ‹   › ‹  1 / 7  › pause play enlarge slideshow
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”
2 / 7 ‹   › ‹  2 / 7  › pause play enlarge slideshow
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”
3 / 7 ‹   › ‹  3 / 7  › pause play enlarge slideshow
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”. Particolare.
4 / 7 ‹   › ‹  4 / 7  › pause play enlarge slideshow
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”. Particolare.
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”. Particolare.
5 / 7 ‹   › ‹  5 / 7  › pause play enlarge slideshow
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”. Particolare.
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”. Particolare.
6 / 7 ‹   › ‹  6 / 7  › pause play enlarge slideshow
Immagini documentarie “Sette giorni senza pelle”. Particolare.
Particolare dell'installazione ambientale "Sette giorni senza pelle", M.E.O.C., Aggius (SS).
7 / 7 ‹   › ‹  7 / 7  › pause play enlarge slideshow
Particolare dell'installazione ambientale "Sette giorni senza pelle", M.E.O.C., Aggius (SS).
Sette giorni senza pelle, 2018.
Azione relazionale
Fotografie analogiche (pellicola 120mm, stampa c-print e istantanee) cucite su t-shirts, misure ambientali.

Errori, mutamenti, ricordi, fluidità e relazioni. In questa installazione il tessuto non è inteso solo come realtà tangibile della quotidianità dell’individuo, ma come visione d’insieme della nostra storia, vista attraverso gli incroci delle trame. Inizia così, tra cotoni, tessuti acrilici e fotografie, un cammino formato da riflessioni, avventure e soste che conducono la mente a porsi nuove domande esistenziali. Solo l’azione di aprire lo squarcio rivela il cuore dell’opera: le fotografie intese come forma dell’esistenza. Al termine dell’esposizione lo squarcio, che inizialmente si presentava come un piccolo taglio, risulterà allargato e le fibre del tessuto “stressate”. L’azione, indotta dalla curiosità del fruitore, porta a far riflettere sull’abuso della vita degli altri e sulla precarietà dei rapporti collettivi, destinando il fruitore a meditare su nuove concezioni di approccio nei confronti degli individui.
Link
https://www.giuseppeloi.it/sette_giorni_senza_pelle-p22740

Share link on
CLOSE
loading